Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina delle Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei Cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Anche quest’anno abbiamo percorso insieme un bel pezzo di strada, a volte viaggiando nella psicologia dello sport altre attraverso una psicologia del quotidiano, abbracciando temi più trasversali. Il 31 dicembre è un giorno che segna una linea di confine, dà un po’ l’idea di una frontiera da oltrepassare e dove non poter più tornare. E’ anche un giorno ambivalente perché porta con sé un senso di chiusura con quello che è stato e di speranza per quello che sarà. Il mio augurio è che questa intensità di speranze e di buoni propositi verso il futuro ci accompagni tutto l’anno, per poter vivere ogni giorno come fosse il primo dell’anno.

Ti auguro di:

  • saper valorizzare i tuoi successi per poterti ricordare quanto hai saputo realizzare;
  • rileggere i tuoi fallimenti per fare meglio la prossima volta;
  • credere in te e nelle infinite possibilità che hai di cambiare sul lavoro, nello sport, nell’amore.

Mi piacciono molto queste parole di Lewis che recitano “Non puoi tornare indietro e cambiare l’inizio, ma puoi iniziare dove sei e cambiare il finale.” Ti auguro che il 2018 e il 2019 siano in comunicazione tra loro per permetterti di mantenere la rotta verso i cambiamenti che stai già inseguendo, per poter continuare a navigare verso la tua meta.

La riflessione con cui ti invito a salutare questo 2018 è anche un po’ un augurio: quali sono le cose buone che vuoi portare in questo nuovo anno?

Dott.ssa Francesca Giambalvo – Psicologa, consulente in psicologia dello sport